in Val Pellice

portale di informazione turistica della Val Pellice (Piemonte, Italia)

Mostra di Umberto Stagnaro "HIER STEHE ICH"

sabato 24 giugno 2017

Dal 24 giugno al 10 settembre 2017 presso la Civica Galleria di arte contemporanea "Filippo Scroppo" di Torre Pellice, Via Roberto D'Azeglio 10.

Inaugurazione sabato 24 giugno ore 17:00.

Locandina della mostra di Unberto Stagnaro

 I 500 anni della Riforma non potevano non essere ricordati anche nella Civica Galleria Filippo Scroppo. La Galleria Scroppo è in una delle tre città che hanno ottenuto il riconoscimento di Città europea della Riforma.

La storia di Torre Pellice ci cala indiscutibilmente in questa importante ricorrenza che offre non solo momenti celebrativi ma anche e soprattutto momenti di riflessione e di studio.

Il fondatore della Galleria, Filippo Scroppo, da valdese pastore dell'arte quale era, avrebbe sicuramente organizzato degli eventi artstici per una ricorrenza così significativa.

In continuità e con la responsabilità di chi ha una grande eredità da gestire l'Assessorato alla cultura del comune di Torre Pellice in collaborazione con la Fondazione centro culturale valdese ha organizzato e promosso la mostra HIER STEHE ICH.

L'installazione di Umberto Stagnaro ci porta esattamente in questo clima di riflessione e di studio che i 500 anni della Riforma hanno diffuso nella nostra cittadina.

La mostra ha inoltre un'altra forte connessione celebrativa legata ai festeggiamenti per i vent'anni della Biblioteca civica Carlo Levi. Ecco perché accanto all'installazione Hier Stehe ich abbiamo la grafica dell'attività che Stagnaro ha svolto per l'Editrice Claudiana dal 1967 al 2011.

Questa mostra ha l'ardire di unire e contrapporre allo stesso tempo fede e lettura, storia ed arte, evidenziando l'importanza delle parole e dei testi.

L'Amministrazione di Torre Pellice ringrazia la Fondazione Centro Culturale Valdese per la compartecipazione alla realizzazione di questa mostra che ha l'ambizione di essere la sintesi dei festeggiamenti torresi per il 2017.

Marco Cogno, sindaco, Maurizia Allisio, assessora alla cultura

approfondimenti